Lo sguardo obliquo

Pubblicato il da Chiara Criniti

Si inaugura sabato 17 ottobre, presso la Biblioteca dei Ragazzi a Bari, la mostra di Illustrazione itinerante "Lo sguardo obliquo", organizzata dalle ragazze di StorySelling Lab.

Il tema proposto agli illustratori è la bellezza nel quotidiano:

“Vorremmo raccontare la bellezza ai bambini, agli adulti, agli anziani, a tutti coloro che vorranno ascoltarci. Quella bellezza lieve che non fa troppo rumore, non è chiassosa come i manifesti pubblicitari, non è una bellezza ingannevole. Vorremo poter raccontare la bellezza quotidiana, nascosta nelle pieghe di un sorriso. Quella bellezza che ci permette di resistere nonostante tutto.“

Lo sguardo obliquo

Il tema della mostra mi ha subito rapita. Una splendida occasione per raccontare un viaggio intimo, perchè ritengo che la bellezza sia uno stato dell'anima, una forza interiore che ci permette di emozionarci e  coinvolgerci. 

La mia illustrazione si sviluppa intorno alla prima immagine che mi è venuta in mente appena ricevuto il tema della mostra: il mito della bellezza classica, la Venere di Milo

 

Bozzetto Venere di Milo

Bozzetto Venere di Milo

Ho sempre ritenuto l'arte un'immensa fonte di benessere, uno stimolo alla gioia e al pensiero libero e creativo.

Per questo motivo ho deciso di utilizzare quest'immagine andando, però, oltre il suo significato puramente estetico e cercando un elemeno attraverso il quale tentare di dimostrare che la bellezza esteriore, da sola non basta a renderci felici. Occorre uno sforzo che ci predisponga all'ascolto. 

Naturalmente, la bellezza, ancor prima che nell'arte, risiede nella natura, nella meraviglia del mondo che ci circonda. Fin da bambina ne avvertivo la forza misteriosa, l'inebriante stato di gioia che mi provocava e continua a provocare con sempre maggiore intensità.

Ma come accostare la bellezza mitica a quella naturale? 

E' iniziato un lungo lavoro di ricerca, fino a quando, inaspettatamente, la folgorazione!

Mi sono imbattuta, con mia somma gioia, in una citazione tratta dal pensiero del grande poeta e intellettuale toscano Mario Luzi:

"L'universo è talmente vivo e ordinato che la percezione del suo prodigio esige un grado di attenzione che solo l'innocenza e la sapienza possono avere. Allora la bellezza e il grande equilibrio del creato si rivelano e aprono l'anima alla gratitudine e alla speranza".

"... un grado di attenzione..."

queste parole continuavano a frullarmi per la testa

"... un grado di attenzione..."

Altra folgorazione!

La Venere di Milo è universalmente riconosciuta come simbolo di bellezza e l'essere una scultura "amputata" dal tempo non altera in alcun modo questa verità. 

In quell'assenza, in quelle braccia mancanti la chiave. 

 

 

Lo sguardo obliquo

Spesso e purtroppo non si tollerano i difetti fisici, le menomazioni (non solo fisiche), le imperfezioni, le diversità (culturali, sociali, sessuali, religiose), tutto quello che si discosta dal nostro concetto di normalità e bellezza. 

Quelle braccia mancanti gridano la verità: la nostra bellezza, la bellezza delle cose, non risiede nella forma che gli diamo, che ci diamo, bensì nella consapevolezza di essere, comunque, "naturalmente", speciali e allo stesso tempo piccoli e imperfetti di fronte all'universo.

Bozzetto definitivo

Bozzetto definitivo

La mia illustrazione si intitola "Rivelazione".

Lo sguardo obliquo

Ad ogni illustratore è stato anche chiesto di accompagnare l'immagine con una motivazione.

Questa è la mia breve presentazione:

La vera bellezza non conosce vanità.

Si nasconde timidamente negli angoli più celati, in certi contrasti impercettibili.

La vera bellezza ci costringe a superare i nostri schemi mentali, culturali, religiosi e a non temere le emozioni nascoste oltre l'apparenza e l'estetica.

La vera bellezza ci conduce oltre sé stessa.

Attraverso dettagli trascurati e imprevisti, ci svela la forza misteriosa di certe "assenze", "mancanze", "silenzi" che ci costringono a guardarci dentro, riscoprendoci felici di essere invisibili e preziosi difronte all'universo.

      

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post